LUCI

l'infinito

“Se potessi esprimerlo con le parole, non ci sarebbe nessuna ragione per dipingerlo”

Queste erano le mie uniche parole quando qualche emerito critico s’ostinava con la più stupida richiesta che si possa fare ad un pittore: “Mi dica Maestro, mi racconti l’evoluzione, la trama narrativa del suo quadro…” Evoluzione, trama narrativa, ispirazione…con queste stupide parole era sicuro di poter adulare il “Maestro” e di rapire per primo qualche segreto per poi sbatterlo su qualche suo articolo. Povero illuso, il Maestro non si è mai ossequiato di fronte agli “Alti riconoscimenti”, né ha mai piegato la sua valenza pittorica ad essi. Nessuno può essere così banalmente idiota nel richiedere l’uso delle parole per la comprensione di un quadro! Il quadro e le voci altrui? Il quadro e la sua inconfondibile voce! E oggi, Jo, ho tolto dalla galleria della Vita, un quadro che ora più di ogni altro ci appartiene. Ma lo scoprirai più avanti…non aver fretta, perché lo riconoscerai alla fine di questo mio racconto.

Oggi sembra una domenica qualunque…

la domenica

C’è chi passeggia tranquillamente sulla spiaggia, chi si diverte a riempire il tempo con qualche nuova avventura amorosa, ma questa domenica qualunque, cara Jo, si sta trasformando nella mia “solitaria domenica”, dove il senso di una prospettiva della vita volta verso la fine mi conduce a dirottare il mio sguardo, le mie parole, nell’unico quadro che non ho ancora completato: il quadro della mia stessa vita.

Questo quadro ho bisogno ancora di viverlo, e sono loro che implorano ancora questo.

Loro…i miei quadri!

Ogni quadro è rimasto dentro al suo vagone speciale, mentre il treno della vita mi concede ancora del tempo per raccontare, senza pudore, l’attesa della fine. Ti stupisci? Ti sta cogliendo un fremito di stupore? Non preoccuparti, capita anche a chi è sempre stato poco convenevole con le parole, a chi ha sempre rifiutato qualsiasi tipo di racconto sulla propria vita, lasciando solo parlare i suoi quadri. Ti ricordi? Qualche benpensante supponeva che questa mia ritrosia fosse dovuta ad un carattere scontroso, difficile da commisurare con i rapporti umani. Forse, mia cara, questo tuo solitario vecchio, sta vivendo la paura che i suoi quadri possano rimanere senza la loro inconfondibile voce. E allora, vecchio e ostinato padre, tento di dissuaderli dal nascondersi, dall’essere intimoriti da qualche dubbio, forse anche mio, e rovisto parole dal fertile terreno della mia memoria (ai pittori è concesso ancora questo dono), per conferire ad ogni quadro una voce speciale, una voce senza fine, una voce al di là della mia morte.

Ho bisogno di parole, cara Jo,

di parole…

La linea di confine di questo mio racconto verrà data dall’intima luce che c’è, che esiste a cape Cod.

Quella luce che amo, luce che tra un po’ non mi donerà più le sue inestimabili grazie…

Tu ascoltami, non lasciarmi solo…

il faro

Loro, i quadri, vennero al mondo con il mio stesso patrimonio genetico perché, come scrissi a Charles, “Il mio obiettivo è sempre stato quello di usare la natura per fissare sulla tela le mie reazioni più intime all’oggetto, così come esso appare nel momento in cui lo amo di più, quando i fatti corrispondono ai miei interessi e alle immagini che mi sono creato in precedenza.” La pittura diventava una meravigliosa sintesi della mia esperienza interiore, quella più complessa e vera.

Mi chiedi se i miei quadri siano un prolungamento della mia vita? Lascio a te, dopo il mio racconto, la risposta…

Provo a sforzarmi, tentando di riportare questa mia ostinata memoria nel punto esatto dove tutto ebbe inizio, il momento preciso dove l’arte iniziò quel moto perpetuo attorno alla mia vita.

Ma vano diventa questo tentativo, impossibile.

Con il passar degli anni, anche tu sei riuscita a scoprire quando trovavo il tema su cui concentravo la mia assoluta attenzione. La forza meravigliosa della pittura sentivo che si realizzava con lo studio della luce. Osservavo il cielo con meraviglia, amavo il sole calante dei pomeriggi estivi che proiettava ombre e luci in forme nette e lunghe. Mai il mio sguardo si disincantava di fronte al cielo, perché mai ho tradito lo sguardo magico della meraviglia, lo sguardo magico della mia infanzia. Complice la mia fertile solitudine, durante gli anni affrescati dal gioco e dal sorriso, mi divertivo a trasformare le nuvole in cavalli galoppanti, il cielo in una lussureggiante prateria, e la luce diventava una misteriosa chiave per entrare in territori finora inesplorati.

Conquistatore della luce, all’arrembaggio di nuove terre.

Così nacqui…

Così rimasi…

Anche se con il tempo, il passar degl’anni, iniziai a studiare meticolosamente, quasi al pari di uno scienziato, le traiettorie dell’illuminazione artificiale, e mi interessai sempre di più a uomini e donne immersi nell’ombra e nella luce. E nell’ombra e nella luce, ancora oggi, sebbene vecchio, ritorno in quel gioco solitario della mia infanzia, quando scoprivo, mentre s’adagiava sul volto stanco di mio padre, lo scorrere implacabile del tempo, e in quella luce comprendevo, già allora, la cronaca faticosa della sua giornata. Ogni volta che si rinnovava la scoperta sui volti delle persone amate, sentivo che il tempo si sospendeva dentro ad un inquieto senso di fragilità per ciò che sarei divenuto, per ciò che sarebbe rimasto di me.

vecchi

Da allora la luce diventò la mia inseparabile compagna. Mi chiedo se, già in quei momenti, volessi individuare nel passaggio della luce, il suo istante immutabile, fissare l’istante eterno, quell’attimo della luce così apparentemente contradditorio: l’istante eterno e il suo contrario. Quell’istante che specchiava se stesso nella sua fugacità, perché in realtà viviamo mentre una parte di noi se ne va, per sempre.

Arrivato all’età fertile delle domande, non mi interessai a dare qualche spiegazione al mio processo creativo. Un giorno, alla richiesta di un benemerito critico su cosa intendessi esprimere con l’arte, pronunciai queste parole: “La vera arte è la rappresentazione di me stesso!” Lo dissi di getto, senza pensarci su, forse senza nessi logici. Me stesso e la solitudine? Quel forte senso di fragilità, condizione della mia vita? Io, Hopper, ho sempre voluto fare me stesso! E a chi mi chiedeva se attraverso  la pittura intendessi comunicare con il pubblico, rispondevo che dipingevo solo per me stesso. Vi sono due fasi distinte nella vita di un pittore: la prima fase è la creazione di ogni particolare del quadro e in questa fase non mi sono mai interessato a comprendere perché dipingo, né ho mai sublimato qualche mio desiderio, o la vana paura della morte, con la pittura. Ho dipinto e basta, senza tanti perché, senza nessun dubbio. Nella seconda fase, quando il quadro è giunto a compimento, vuoi che il quadro comunichi con il pubblico. Il quadro finalmente ha una sua inconfondibile voce!

E solo oggi, ormai vecchio, senza avermi mai posto alcuna domanda sul perché ho concesso alla pittura il patrimonio esclusivo della mia esistenza, questa luce è pronta a svelarmi il motivo della mia arte: dipingevo per scoprire il canto malinconico della vita di ogni giorno, vita ripresa nell’intima quotidianità, e man mano che riprendevo ogni implacabile proiezione della luce su ogni minimo dettaglio visivo, la regia oculata dell’occhio diventava sempre più prodigiosa nel rapire la malinconia di ogni individuo, la sua fragilità, lo scorrere del tempo verso l’annullamento della vita, perché anche all’interno di una stanza dismessa l’arte pittorica ci svela qualche traccia atta a raccontare l’universale fragilità di questa nostra esistenza.

Qualcuno ha definito i miei quadri “icone senza tempo”, forse perché il tempo si annulla nella malinconia che ognuno di noi porta già con la sua nascita, quella malinconia che viveva dentro ai miei colori, alle linee, alla luce che catturavo con orgoglio. Comunque non ho mai voluto essere l’unico arbitro dei miei quadri, non ho mai preteso di indirizzare lo sguardo dello spettatore verso qualche fine implicito nella mia pittura. Non esiste un’unica via d’accesso per la comprensione di un quadro: ognuno scelga la propria. E non volli mai nei miei dipinti creare una sorta di complicità con il luogo della mia narrazione visiva. Quel luogo, già intimo di per sé, mi avrebbe fatto scoprire le sue geometrie, i suoi rettangoli di luce che investono le pareti, le sue zone d’ombra e le linee precise di corpi dal profilo solitario. La trama di un possibile racconto la creava la luce, spettava poi ad ogni spettatore tramare nuove storie.

La vera invenzione nasce dalla forza  dell’immaginazione.

Sai, solo oggi sono giunto alla conclusione che i miei quadri portano con sé un vago senso di morte. Mentre dipingevo sentivo che stavo distruggendo tutte le mie percezioni, distrutte attraverso la loro trasformazione sulla tela. Distruzione necessaria, inevitabile, perché i quadri potessero avere la loro inconfondibile voce. E vivevo con loro l’ intimità di un padre con i figli, l’intimità che nasce anche dalla forza dell’immaginazione che ogni padre possiede quando immagina il futuro del proprio figlio. Volevo che ognuno di loro venisse accolto con la sua inconfondibile voce, il suo temperamento, il desiderio di vivere senza subire pregiudizi. Ma questo, tu lo sai, arrivò tardi, poiché fino al 1924 i miei quadri vissero in solitudine, in completa solitudine. Gli sguardi dei miei quadri e di un possibile acquirente, stranamente, non si incontravano. Troppo diversi?

Ti ricordi, quando  qualcuno li definiva “Metafore del silenzio”? Ma il silenzio parla, racconta senza nessun pudore la più profonda verità.

C’è un unico motivo che permane in tutta la nostra vita, segno distintivo d’ogni esistenza. Solo oggi oso definire questo segno distintivo “la voce indistruttibile di ogni uomo e di ogni donna”.

Questa voce è il mistero della nostra solitudine.

penso

Non preoccuparti, non sto farneticando, possiedo ancora non solo l’arte doviziosa della pittura, ma anche l’arte del ragionamento, della profonda comprensione. Dico profonda perché a noi vecchi, mentre i movimenti diventano sempre più languidi, la comprensione della vita, o ancor meglio la vera intuizione, si trasforma in un’intuizione profonda, terribilmente vera, senza maschere e tradimenti. Tu la chiameresti un’intuizione nobile, che spetta di diritto a chi da sempre ha contemplato, con la propria arte, la vita.

Questa voce, il mistero della nostra solitudine, ci appartiene da sempre: nasciamo nel ritmo della nostra solitudine…morirò in quella sorte finale riservata ad ogni individuo. Ancora in un’assoluta solitudine, ma questa volta non più feconda, non più fertile. Senza più luce, senza poter cogliere il movimento rapido della luce su un volto, il suo tremolio sulle pareti di una stanza, senza più afferrare da quella luce il chiacchierio delle ore, l’attesa della nuova stagione.

Ma ora entra Jo, posati sulla mia tela. Questa tela possiede il potere magico di aprire il sipario della vita…

Lo so, sei stanca di acrobazie, di ulteriori imprevisti…

Puoi salire su solo lentamente, perché la vecchiaia non ci concede molta grazia nei movimenti. Non preoccuparti, ti sto tendendo la mano…abbiamo dipinto la nostra vita assieme, non possiamo perderci  ora. Annotavi sul nostro diario tutti i particolari dei miei dipinti e in quel diario scrivevamo come stavano crescendo, quali altre conquiste avremmo fatto assieme.

Poi, assieme a loro, siamo sempre andati dove c’era il sole.

Anche a loro, i quadri, ho sempre fatto rivolgere lo sguardo verso il sole. Ma quando vivevamo un’inquieta malinconia, i personaggi dei miei, dei nostri quadri, li rappresentavo mentre cercavano il sole.

Lo cercavano, Jo, lo cercavano…

In attesa…

Su, sali…non c’è la luce naturale del sole, ma si stanno accendendo le luci di un antico sipario.

Siamo due commedianti nell’atto finale, nell’ultimo saluto al nostro pubblico.

Sssh…non versare nessuna lacrima…la vita è una grande commedia umana e l’arte ha il compito di rappresentarla.

Ti ricordi durante il nostro primo incontro, la nostra amata poesia di Verlaine? Io iniziai dedicandoti le prime parole: ” Un vasto e tenero acquietamento sembra discendere dal firmamento” e, senza esitare un attimo, tu continuasti: “Che l’astro illumina. E’ l’ora squisita”.

Era l’ora del nostro primo incontro. L’ora nella quale i nostri sguardi svelavano l’incanto dell’innamoramento. In quel momento sentivo che stavo trovando la luce dell’attimo eterno dentro al tuo dolcissimo sguardo.

Oh Jo! Ti sei fatta tradire dall’emozione dei ricordi? Non piangere, il pubblico ci sta attendendo, ma dobbiamo sforzarci, a tutti i costi, perché nessuno dei presenti possa comprendere che il nostro è l’ultimo saluto, in questo atto finale.

Si sta spegnendo la luce, qui a Cape Cod.

Una luce flebile mi lascia il suo ultimo canto…Non ci sono più parole per questo mio racconto.

E’ ora di entrare in questo quadro dal titolo così chiaro e preciso: “I commedianti”.

Ancora per qualche attimo, questa esile luce ti concede il dono di carpire l’ultimo segreto…

Osserva il pubblico in sala, Jo…

Sono presenti tutti i quadri.

Ti chiedi ancora se i miei quadri siano il prolungamento di me stesso?

“L’opera è l’uomo. Non nasce mai dal nulla”

Non piangere, Jo…lo spettacolo andrà avanti con le loro Voci…

Per sempre

 

 

Hopper e la verità delle parole

autoritratto

Questo grande artista ha concesso a noi, semplici viandanti, di poter cogliere le profonde verità delle sue parole.

Ognuno scelga la propria

In una lettera a Charles Sawyer, direttore della Addison Gallery American Art, Hopper scrive: “Per me, figura, colore e forma, sono solo mezzi per raggiungere il fine, sono gli attrezzi con i quali lavoro, e non mi interessano in quanto tali. Mi sento attratto soprattutto dal vasto campo dell’esperienza e delle sensazioni. Il mio obiettivo nella pittura è sempre usare  la natura come mezzo per provare a fissare sulla tela le mie reazioni più intime all’oggetto, così come esso appare nel momento in cui lo amo di più. Perché poi io scelga determinati oggetti piuttosto che altri, non lo so neanche io con precisione, ma credo che sia perché rappresentano il modo migliore per arrivare a una sintesi della mia esperienza interiore.”

“L’ arte che racchiude una verità fondamentale è sempre moderna. Per questo Giotto è moderno come Cezanne”

“Da bambino sentivo che la luce della parete alta di una casa era diversa da quella della parete più bassa. Quella in alto ha più gioia!”

“L’opera è l’uomo. Ogni stato d’animo, per quanto banale, merita un’interpretazione”

Hopper mai dimentica nella sua arte la frase di Goethe “L’inizio e la fine di ogni attività artistica è la riproduzione del mondo attorno a me attraverso il mondo in me”

Di Goethe, ama particolarmente la poesia “La quiete”

In tutte le cime è quiete

in tutte le valli non un suono.

Tacciono gli uccelli del bosco

Aspetta presto riposerai

Anche tu

Ma la poesia più amata da Hopper è la poesia rivelatrice di quel grande amore che si svelò già al primo incontro con Josephine: la poesia di Verlaine “l’ora squisita”

Un vasto e tenero acquietamento sembra discendere dal firmamento

Che l’astro illumina

E’ l’ora squisita.

Anche noi viandanti di questo inestimabile viaggio rappresentato dalla vita, riusciamo a vivere “L’ora squisita”, quell’attimo eterno attraverso i suoi quadri.

Perché “l’opera è l’uomo”

Un uomo vero, libero, che pone nel suo viaggio quella frase battagliera, tratta dal diario di Delacroix, che Hopper mise come fondamento nella sua lotta contro false teorie, deliranti opportunismi di mercato:

“Gli uomini della nostra professione negano ai fabbricanti di teorie il diritto di muoversi impunemente nel nostro campo e a nostre spese”

 

Vi chiedo di perdonarmi se, dopo essermi seriamente documentata, ho voluto aprire il mio sipario per vivere quel palcoscenico che tra un po’ non mi concederà più la presenza di volti amati profondamente. E così, per continuare ad osservare il cielo con meraviglia, ad amare la luce che si adagia sui loro volti stanchi, consapevoli dello scorrere implacabile del tempo,

per non tradire lo sguardo malinconico della vecchiaia e poter carpirne il dolce segreto, 

ho preso per mano le mie parole e le ho condotte nell’ultimo lascito di Hopper…

i commedianti

Quel quadro “I commedianti”, con il quale Hopper, giunto negli ultimi anni della sua vita, dipinge se stesso e l’amata moglie nelle vesti di due attori che alla fine dell’ultimo atto si congedano per sempre dal loro pubblico.

Finalmente, nel gioco della finzione del mio scritto, nella trama tessuta dalla fantasia del racconto, so che vivrò per sempre quel dolce segreto,

anche quando arriverà la “metafora del silenzio”.

Questo mio scritto è dedicato allo sguardo profondo e vero della vecchiaia

A presto

Adriana Pitacco

quadri postati: camere vicino al mare(1951) – Domenica(1926)- Lighthouse Hill(1927)-Hotel accanto alla ferrovia(1952)- Sole mattutino(1952)- Due commedianti(1965)- Autoritratto(1903-1906)

Brano musicale: dal secondo concerto per pianoforte e orchestra di Rachmaninov, il secondo movimento, suonato da lui stesso

 

 

 

 

22 pensieri su “LUCI

  1. Dopo aver letto la tua mail mi sono fiondato a leggere il tuo post, e ne ho ricavato l’impressione che tu abbia colto perfettamente l’essenza di Hopper. Le sue opere trasmettono una malinconia sottile e indescrivibile, nel senso che spesso non sapresti dire specificamente quale dettaglio dei suoi quadri te la fa nascere, ma la senti comunque fortissima dentro di te.
    Normalmente detesto la malinconia e le persone malinconiche, ma per Hopper vale la pena di fare un’eccezione, perché oltre alla malinconia percepisci anche un talento immenso, e il talento, si sa, ha un enorme potere fascinatorio.
    Riguardo al tuo post, mi è piaciuto soprattutto il punto in cui riporti queste parole di Hopper: “Per me, figura, colore e forma, sono solo mezzi per raggiungere il fine, sono gli attrezzi con i quali lavoro, e non mi interessano in quanto tali.” Questo pragmatismo, questa maggiore attenzione alla sostanza piuttosto che alla forma sono piuttosto rare in un artista, e mi trovano perfettamente d’accordo: anch’io quando guardo un’opera d’arte (sia essa un quadro, un libro o un film) mi concentro soprattutto sul messaggio che vuole trasmettermi, e non mi faccio incantare più di tanto dai dettagli tecnici, anche se avrei gli strumenti culturali per apprezzare anche quelli.
    Anche per quanto riguarda le persone ragiono nella stessa maniera: è la loro essenza più profonda ad interessarmi, tutto il resto (l’estetica, la cultura, la popolarità di cui godono eccetera) sono soltanto dettagli. E ho imparato che questi dettagli, oltre ad essere secondari, possono essere perfino fuorvianti: ad esempio, le carognate più gigantesche le ho subite proprio da persone popolarissime, apparentemente irreprensibili e stimate da tutti. E’ stata comunque un’esperienza istruttiva: infatti mi ha insegnato che, se una persona piace a tutti, questo è un segnale d’allarme anziché un punto a suo favore.

    Piace a 2 people

    1. La malinconia e il senso della Vita…
      perché la malinconia nasce da una forza vitale, da quell’innata consapevolezza della nostra finitudine che ci porta a vivere ogni attimo della nostra esistenza. “Viviamo…mentre una parte di noi se ne va…per sempre” Sono le parole di mio padre, parole pronunciate mentre ascoltava il canto del mare…mentre osservavo il suo sguardo sempre più struggente, ma sempre più vero. E così, questa dolce malinconia da giorni si è risvegliata, attenta a custodire i miei dubbi, le mie domande, a lusingarmi con la sua premurosa pazienza. “Ti aspetto.. vedrai…non preoccuparti, ci conosciamo da tempo immemorabile. Io e te, intimamente legate da un’unica certezza…Scorre il tempo, mentre un attimo di questa vita ci sta abbandonando per sempre. Vita e morte dentro ad un’unica verità”
      E queste sono le sue parole…
      di questa dolce compagna, io ascolto la sua voce, il suo racconto del tempo dell’esistenza fatto della melodia della luce che vive sul volto delle persone che amo.
      Malinconia tessuta con il filo della tenerezza. IO la chiamo semplicemente “il respiro dei miei sentimenti”. Ed è per questo che ne sento il bisogno, la sua cadenza abituale, per continuare a vivere l’attimo della luce, l’attimo della vita che mi donano volti vissuti e amati. Quei volti che, grazie alla voce della malinconia, al suo respiro, so che rimarranno per sempre nel mio tempo.
      Ed è merito del suo sguardo così vero e profondo, che di fronte ad un’opera non vado alla ricerca di nessun arbitro nel vivere i miei sentimenti, né di qualche accordo di sottobanco.
      Vi può essere un amore a prima vista, un incanto totale, o un distaccamento completo perché magari scorgo solo qualche banale imitazione distorta e avulsa da qualsiasi verità, da qualsiasi traccia di pura bellezza.
      La malinconia e lo sguardo verso gl’altri…
      perché come scrive Vincent Van Gogh a Theo ” Si perde sempre quando si sta isolati”
      Un grazie infinito
      Adriana

      Piace a 1 persona

      1. Le parole di tuo padre sono molto suggestive, e da come ne parli è evidente che provi per lui un affetto profondissimo, che ti fa davvero tanto onore. Grazie a te per questa splendida risposta! 🙂

        Mi piace

  2. Mia cara Adriana mi hai fatto un regalo splendido con questo tuo post dedicato ad Hopper, che adoro. Ricorderai come io abbia scelto per la mia poesia ” Rumore” proprio un suo quadro che anche tu qui hai messo ( quella donna sul letto che con le ginocchia piegate, guarda fuori dalla finestra ). Mi piace Hopper per come riesce a raccontare dell’uomo la sua solitudine, quell’essere malinconicamente solo anche se insieme a qualcuno. E nel silenzio che attornia le sue figure sembra quasi di raggiungerle, quasi si potesse ascoltare ciò che la loro solitudine ci dice del loro essere. Si ferma l’istante per comprendere il tutto, si diventa partecipi dell’esistenza altrui. Trovo il suo stile meravigliosamente coinvolgente come le tue parole che piene di sensibilità, toccano il cuore. Ti voglio bene. Un grande abbraccio. Isabella

    Piace a 1 persona

    1. Carissima poetessa, ti ringrazio infinitamente!
      le tue, sono parole che s’accordano in note dolcissime, per condurmi a vivere il silenzio che racconta…
      il silenzio che ci conduce nell’infinito giardino della bellezza, così intensa, così eterna mentre viviamo la consapevolezza di ciò che siamo dentro allo sguardo di chi amiamo.

      Io vivo …
      perché amo
      forse, questa è la mia unica verità

      Un caro saluto e un brindisi alla gioia che mi doni
      Adriana

      Piace a 1 persona

      1. Che bel commento. E che belle parole cara Adriana. Sei tu che debbo ringraziare, per come a me ti rivolgi. Sei molto tenera. Ti voglio bene. Un abbraccio. Isabella

        Mi piace

  3. Adriana, grazie per averci donato queste riflessioni! In particolare sulla luce: essa è sempre un inizio, la luce è sempre creazione. E creare è certamente un po’ morire, un segnare il limite di ciò che non ha limite, che sia esso l’animo umano o addirittura l’essenza divina! Ogni opera è certamente un creare e ricreare l’uomo, condivido appieno questo pensiero! E l’uomo muore creando la vita, scolpendone i dettagli, le emozioni, le sensazioni nei più intimi particolari. Così come emerge dai quadri di Hopper… Buona serata e a presto

    Mi piace

    1. Carissimo, sono rimasta incantata dalle tue parole”E l’Uomo muore creando la vita, scolpendo i dettagli, le sensazioni nei più intimi particolari”
      Voglio risponderti con una lettera che ho scritto ad Emma, la meravigliosa compagna di mio figlio Gianluca.
      “Voglio risponderti ascoltando quella musica che da sempre mi accompagna e mi onora della sua verità.
      Perché rivivo uno dei momenti magici che hanno creato un legame indissolubile con chi ho amato profondamente.
      Ecco…in quella piccola stanza, ai confini del mondo, quel giorno si modulò una domanda: ” Dimmi…che cosa rimarrà di me a Gianluca quando me ne andrò?Il mio volto? Qualche mia parola?”

      Dopo aver letto la poesia che avevo scritto per Gianluca, Sergio trasformò le sue parole in un dolcissimo racconto che avrebbe legato per sempre le nostre esistenze. Perché in questa dolce promessa ho la vera testimonianza della mia vita, il perché della mia esistenza, il motivo della vera felicità”

      Queste sono le parole dedicate a mio figlio, a questa promessa
      Promettimi Anima che racchiuderai una sola delle mie parole
      in uno dei tanti suoni dell’aria
      promettimi che diventerò l’impronta del tuo bacio sonoro
      promettimi
      che quando salirò a te
      io ascolterò il tuo dolcissimo pianto.
      Io ti prometto che ritornerò tra le tue mani
      ad essere quel dolce istante
      disegnato nel tempo
      E’ una dolce promessa

      Ecco perché sono rimasta incantata dalle tue parole ” L’uomo muore creando la vita”

      E si crea la vita amando con una dolce promessa
      Un grazie infinito
      Adriana

      Mi piace

  4. Post particolarmente denso e ricco di considerazioni da rileggere e sulle quali riflettere a lungo.
    Amo molto Hopper sia per i caratteri di cui parli che per quel senso della solitudine descritto così bene in tanti suoi dipinti. Una solitudine non sempre chiusa in se stessa, ma che attende, in modo inequivocabile.
    Me lo dicono le linee spesso oblique delle varie composizioni che si suppone proseguano poi oltre i limiti del quadro. Me lo dicono i protagonisti spesso rivolti con lo sguardo a una finestra verso un altrove. E poi certamente la luce, come tu hai descritto nella tua ricostruzione dall’interno immedesimandoti nel profondo dell’animo del pittore.
    Grazie, cara Adriana, e grazie anche di quel delicatissimo e intenso Rachmaninov scelto col cuore.
    Un caro abbraccio!!!
    Annamaria

    Mi piace

    1. Carissima desidero infinitamente ringraziarti, le tue parole rappresentano la “musica” del mio giorno.
      A volte mi chiedo: “Cosa sarei se non avessi vissuto la mia infanzia nella solitudine della bellezza?”
      Io, bambina, al mio primo risveglio, ascoltavo la voce splendida di mio padre, i suoi vocalizzi, la sua preparazione per il concerto.
      In silenzio, vedevo la sua voce prendere forma, trasformarsi in paesaggi che sarei stata in grado, solo dopo la fine del suo canto, di esplorare.
      Poi ascoltavo i passi di mio padre, così fermi e decisi nell’aprire una piccola finestra per far dimorare il suo sguardo malinconico verso il mare. La sua voce dipingeva lo sguardo della sua struggente malinconia…
      ma rappresentava anche il suo tratto vitale, la sua forza, la sua incantevole melodia…
      io dentro alla sua voce, ho mosso i miei primi passi verso l”infinita bellezza”.
      Perché vi è una solitudine così affine a ciò che siamo, così complice della nostra vita

      Un abbraccio e un grazie infinito
      Adriana

      Mi piace

  5. Cara Adriana, mi sono presa il tempo di leggerti con calma, in un sabato solitario, nella mia casa, candela accesa, dentro e non fuori.
    Ci penso tanto, e spesso, al fatto (riconosciuto e non scoperto oggi da me) che l’arte profonda e universale nasce dall’intento di parlare di sé. Gli artisti fanno a gara per dire che la loro arte non è autobiografica, io invento, io parto dalla mia vita come spunto. Grandi bugie. Hopper, come tu sottolinei, parla di sé continuamente, in ogni singolo quadro, ma conosce il modo per arrivare ad ogni creatura che guarda le sue opere, così intimamente connesse con lui e la sua vita. Opere eterne. Accade così, e tu lo dici in modo chiaro e poetico. Ho visto Hopper, e mi sono fermata a respirare l’aria di sublime eternità delle sue tele. Lavorano dentro, come la grande letteratura, il grande cinema. La solitudine; lui partiva da lì ma quanto desiderio di superarla, alla fine, spargendo in tutto il mondo le sue tele che parlano chiaro. Ci parlano.
    Buona domenica cara!
    Grazie del tuo post
    Pat

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...